product image
product image thumb
 

LETTS, DON

OUTTA SYNC

Barcode: 0711297538229 / Cat: COOKCD882 / 1 CD / Label: COOKING VINYL

Dal lavoro con artisti del calibro di The Clash e Bob Marley allo scontro di generi con Big Audio Dynamite, alla presentazione del suo programma radiofonico su BBC 6Music, dalla vittoria di un Grammy al ricevimento di un dottorato honoris causa per il suo contributo alla cultura, Don Letts sembra aver fatto tutto. In effetti, insieme all'uscita della sua autobiografia più venduta "There and Black Again" del 2021 e "Rebel Dread", un film che documenta la sua vita uscito nel 2022, si potrebbe pensare che in effetti l’abbia fatto. Ma c'è una cosa che il poliedrico 66enne non ha fatto... fino ad ora. “Outta Sync” è il suo brano di debutto come artista solista ed è anche il titolo del suo album di debutto, che è stato prodotto da Gaudi. E’ un cocktail inebriante di ritmi pesanti di basso doppiati, vibrazioni e parole pronunciate giustapposte a ganci melodici e armonie. L'album è esattamente come ci si aspetta che suoni un progetto di Don Letts. "Outta Sync", la title track, è anche degna di nota come una delle poche canzoni che possono introdurre una vita così leggendaria all'interno di un singolo verso: "Al giorno d’oggi, a causa della mia dualità, cresciuta su pop e basso, non sono infastidito, perché è tutta una questione di gusto, io sono la generazione del vinile, ed è così che ho iniziato, combinando vestiti e musica, e l'ho trasformato in arte”. Don continua a riflettere sul mondo che cambia intorno a lui e sulle sue mutevoli percezioni. Ironia della sorte, non aveva davvero intenzione di fare musica per conto suo. Ma poi il lockdown è arrivato e il suo vecchio amico, produttore e bassista dei Killing Joke, Youth, lo ha incoraggiato a provarci, mandandogli anche alcune linee di basso con cui lavorare, ma Don non era del tutto convinto. Ciò è cambiato quando ha lavorato in studio con il leggendario produttore dub anglo/italiano Gaudi, un altro amico di lunga data di Don noto per il suo lavoro con Steel Pulse, Lee "Scratch" Perry e Horace Andy per citarne solo alcuni. La coppia ha prodotto un remake di "Sightsee MC" di Big Audio Dynamite per la band post-punk ispirata al dub Megative. Hanno poi collaborato a un dub remix del classico "E=MC2" dei B.A.D per la compilation "Version Excursion" di LateNightTales del 2021. Don e Gaudi hanno hanno finito per lavorare insieme nello studio londinese di Gaudi per nove mesi. Il risultato è stato l'album di debutto da solista di Letts, prodotto e co-scritto da Gaudi. Con undici brani per lo più autoprodotti, "Outta Sync" riflette la sua miriade di gusti e interessi, così come la sua visione unica del mondo. Evidenzia anche una serie intrigante di ospiti: Wayne Coyne di The Flaming Lips fa la sua apparizione, così come la regina degli amanti del rock Hollie Cook. Don ha co-scritto la canzone "Situationist" con Zoe Devlin Love, precedentemente di Alabama 3. A tenerlo in famiglia è la figlia di Don, Honor, che canta il groove elettronico tempestato di sitar "Civilization". Gaudi si complimenta con tutto questo suonando pianoforte e sintetizzatori in tutto l'album. Collettivamente è un'istantanea di chi è veramente Don Letts nel qui e ora. Letts dice: “Nel bene e nel male questo sono io, anche se non sto dicendo di averlo capito” come riconosce prontamente il testo nel ritornello del singolo. “Alla fine l'album è una colonna sonora per la mia mente con alcune fantastiche linee di basso, che rispecchiano la somma totale del mio viaggio culturale e riflettono la dualità della mia esistenza, che è nera e britannica.”

  • Tracklist
    • 01. Outta Sync
    • 02. Something Coming Off (feat. Hollie Cook)
    • 03. The Universe Knows What You've Done (ft. John Cusack)
    • 04. Touch (ft GAUDI)
    • 05. Crooked Face
    • 06. Yes
    • 07. Situationist (ft. Zoe Devlin Love)
    • 08. The Doorman
    • 09. No Fooling Me (ft. Hollie Cook)
    • 10. Wrong
    • 11. Civilization (ft. Honor Letts)
    • 12. Present Dilemmas (ft. Wayne Coyne)

Altri prodotti